• Samantha Pilati

Meteo e mare



Avrà inizio il prossimo 3 Agosto la Fastnet Race (meglio nota come Rolex Fastnet Race), una delle più importanti gare al mondo di imbarcazioni d’altura, che si disputa al largo delle coste del Regno Unito e prende il suo nome proprio dall’omonimo scoglio di Fastnet (a sud-ovest dell’Irlanda), intorno al quale le imbarcazioni virano durante la gara, dopo essere partite da Cowes, sull’isola di Wight, e prima di rientrare a Plymouth.


La prima edizione della regata risale a quasi un secolo fa, al 1925 e, attualmente, si svolge ogni due anni. Le miglia nautiche da percorrere sono 608; si tratta di una zona caratterizzata spesso da condizioni meteorologiche avverse, con venti forti e acque molto agitate: una gara quindi difficile, dove sono fondamentali la preparazione e l’abilità dell’equipaggio e, nondameno, un’ottima conoscenza della situazione meteorologica in atto.



Proprio a causa del maltempo e delle sue infauste conseguenze, è passata alla storia l’edizione di quarant’anni fa, quella del 1979: una forte tempesta, molto più violenta di quello che ci si aspettasse nei giorni precedenti, colpì quella zona dell’Atlantico, con raffiche di vento che raggiunsero nei momenti peggiori i 65 nodi e onde di 20-25 metri; molte furono le barche capovolte e si contarono 18 morti e diversi feriti, nonostante i ben 4000 uomini coinvolti nelle operazioni di soccorso; dopo questo funesto episodio furono riviste le regole di sicurezza necessarie per la partecipazione. La tempesta è ricordata ancora oggi come Fastnet Storm.


In tempi più recenti, nel 2007, la gara fu posticipata di 25 ore a causa delle avverse condizioni atmosferiche segnalate dal Met Office e molte furono le imbarcazioni costrette al ritiro; nonostante ciò proprio in quell’anno si registrò il tempo minimo di percorrenza (44 ore e 18 minuti).


Una regata affascinante, quindi, dove la forza del mare e degli agenti atmosferici non vanno mai sottovalutati.


Infine una curiosità: l’ultima fotografia del Titanic venne proprio scattata poco prima che doppiasse lo scoglio di Fastnet.


Post recenti
Archivio

Fondazione Osservatorio Meteorologico Milano Duomo

Via Guerrazzi 25, Milano

C.F. 97711130159 - P.IVA 09944730960 - Codice SDI (Fatt. elettronica): USAL8PV